Simone Vallerotonda

Dal blog

“Dans la nuit” – Progress

Recensione pubblicata sulla rivista “Progress” – Settembre 2013
Autore: Franco Bruni

Dedicato alla tiorba e alla chitarra spagnola, il raffinato percorso proposto dall’antologia “Dans la nuit” (EL 132329, 1 CD, www.soundandmusic.it) si snoda attraverso le delicate e affascinanti sonorità dei due strumenti proposti dal sensibile tocco di Simone Vallerotonda. Una scelta antologica che si sofferma sulla Francia del Re Sole, dove furono attivi l’italiano Francesco Corbetta e il suo discepolo Robert de Visée di cui ascoltiamo movimenti di danza, chaconnes, sarabandes, passacailles, tratti dalle raccolte a stampe e manoscritte pervenuteci. Simone Vallerotonda si destreggia egregiamente tra i brani per chitarra di Corbetta e quelli per tiorba di de Visée, esibendosi in momenti di grande virtuosismo come nel Caprice de chacone di Corbetta.

Tra i brani di de Visée, a cui le basse risonanze tipiche della tiorba danno una impronta più solenne, ricorrono alcuni omaggi del compositore ad altrettanti musicisti dell’epoca come accade in Les Sylvains de M. Couperin e l’Entrée des Espagnols de M. Lully, dove vengono trascritte per la tiorba musiche del grande Seicento francese. Sulla stessa scia si collocano altre due bellissime trascrizioni per tiorba dello stesso Vallerotonda dedicate a due famosi brani per viola da gamba di Marin Marais.

Simone Vallerotonda, nella sua versatilità di liutista/tiorbista/chitarrista, nonché trascrittore, si conferma tra i più talentuosi rappresentanti della nuova generazione di musicisti dediti alla musica antica; un artista a tutto tondo, capace di infondere con garbo la propria impronta personale ad una lettura sensibile e filologicamente orientata.

Franco Bruni